Itinerari Gargano

1 (14)

ISOLE TREMITI

Passagio nave e periplo dell’Arcipelago

L’escursione prevede la partenza dal porto di Rodi Garganico alle ore 9,15 (check in h 9,00)

L’arrivo è previsto dopo circa un ora con sbarco all’Isola di San Nicola.

Dal porto di San Nicola partono i motoscafi per il periplo delle Isole e la visita delle Grotte Marine (grotta delle viole, del bue marino, del cavallone) condizioni del mare permettendo.

Il giro dura poco più di un’ora.

Al rientro in porto si può scegliere di visitare l’Isola di San Domino, la più grande delle tre, oppure visitare la rocca di San Nicola dalla quale si gode una panoramica delle isole con le fortificazioni, il portale e la torre angioina, la chiesa di Santa Maria pura delle Tremiti in stile romanico pugliese, il chiostro dei monaci Cistercensi, e la tomba dell’eroe omerico Diomede, che ha dato il nome alle isole altrimenti dette Diomedee.

Rilevanti sono i caseggiati dell’antico bagno penale – trasformati in abitazioni private – che conservano l’originaria architettura simile ai luoghi di detenzione (Cayenna).

Le Isole Tremiti, sin dall’antica Roma – qui venne esiliata la nipote dell’Imperatore Augusto, Paolo Diacono dall’Imperatore Carlo Magno – sono state terra di confino prima con i Borboni – i Tremitesi sono chiamati anche “coatti” – e poi durante il Fascismo quando ospitarono tra gli altri Sandro Pertini.

1 (9)

Borghi d’Italia

VICO del GARGANO – FORESTA UMBRA – RODI

Questo itinerario è orientato a consentire di apprezzare la versatilità del Promontorio del Gargano che – usando uno slogan abusato – non è solo mare. L’orografia di questa porzione d’Italia assomma in sé le più varie peculiarità: dal mare alla collina alla quasi montagna. Grazie ad un breve percorso si passa dal mare ad un altitudine di oltre mille metri (Foresta Umbra e Monte Sant’Angelo). Vico del Gargano si differenzia dai borghi marinari delle città costiere (Rodi, Peschici, Vieste) perché trovandosi a 500 m. sul livello del mare ed essendo caratterizzato da un’economia prevalentemente agricola ha conservato l’originario impianto medioevale cittadino con la cinta muraria, le relative torri e bastioni, il Castello normanno-svevo che affacciano su una vallata rimasti pressocchè inalterati con il dedalo di viuzze, la struttura architettonica, le numerose chiese. E’ possibile visitare di questo centro storico, unico nel suo genere, in un’ora e mezza o più se s’intendono visitare determinate attrattive quali il “trappeto Maratea”, frantoio oleario posto nei sotterranei del Castello; Chiesa di Santa Maria Pura, Convento Cappuccini con quercia centenaria e panorama sulla costa.

Da Vico del Gargano dopo un breve tragitto si giunge nella Foresta Umbra, pare così denominata a causa della folta vegetazione di essenze di alto fusto dove predominano i “faggi” secolari, una vera rarità a queste latitudini, la cui densità è tale da oscurare il cielo.oltre agli abeti, querce, carpini, frassini, tassi e ad una fauna assai varia.

Il Corpo e l’Azienda Forestale di Stato hanno segnato numerosi percorsi interni con varie percorrenze di tempo. Per chi non ama il trekking i viali della Foresta Umbra consentono comunque una comoda passeggiata per raggiungere il suggestivo laghetto, il museo etnografico con l’esposizione della Fauna, la ricostruzione della Casa dei Carbonai, ed un’area recintata con daini e cervi oltre ad un attrezzato posto di ristoro con bar e ristorante.

Centro Storico Rodi Garganico – Borgo marinaro, Convento Cappuccini in collina e previo appuntamento visita ai contigui giardini dell’Oasi Agrumaria ed alla filiera produttiva dell’800 - scorci panoramici vista Costa garganica ed Isole Tremiti. .

1 (19)

LAGO di VARANO

Spiaggia dell’Istmo di Foce Varano

A differenza del Lago di Lesina circondato da zone paludose, anche se di indubbio interesse dal punto di vista ornitologico perché ricco di uccelli stanziali e migratori, il Lago di Varano consente una comoda visita presso la Chiesa del Crocifisso di Varano, posta sulla riva del lago, il cui culto è assai sentito dalle popolazioni del comprensorio.

Per far funzionare correttamente il sito web, utilizziamo i cookies. Puoi trovare i dettagli leggendo la nostra Informativa sulla privacy. Se usi il nostro sito, presupponiamo che la accetti. Scopri di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close