Vacanze a Rodi Garganico

rodi-garganico

Rodi, antico Borgo marinaro

Fondato dai greci che nella loro ansia conoscitiva si spinsero più a Nord della Magna Grecia successivamente diventò importante approdo della Roma imperiale con il nome di Portus Garnae.

Così lo storico latino dell’età augustea Plinio il Giovane che lo definisce approdo naturale per il commercio lungo la costa adriatica. Questa caratteristica è rimasta nel tempo nonostante le vicissitudini storiche e le occupazioni e distruzioni dei Veneziani, Saraceni, pirati dalmati fino a Gioacchino Murat che a Rodi si fece costruire una casa fortificata tuttora esistente tra i Giardini dell’Oasi Agrumaria allorchè Rodi fu anche cannoneggiata da una fregata Inglese ancorata in rada probabilmente per stanare l’allora Re di Napoli. Ancora, Papa Celestino V - inseguito dal Borgia dopo le sue dimissioni dal soglio pontificio - dal porto di Rodi prese il mare nell’intento di sfuggirgli ma un’improvvisa tempesta costrinse la nave ad approdare a Vieste dove il venerato vegliardo venne catturato dai soldati pontifici. Questa vocazione verso il mare ed il commercio ebbe il suo culmine alla fine dell’Ottocento – primi Novecento allorchè le colture degli Agrumi trovarono un fiorente mercato in Italia ed in Europa (fino all’Inghilterra e la Russia) e con lo sviluppo del commercio internazionale addirittura negli Stati Uniti insidiando la produzione californiana in maniera tanto tangibile da indurre gli Stati Uniti a proteggere i propri prodotti con l’imposizione di pesanti dazi tali da rendere impossibile l’importazione del nostro prodotto. Ciò non impedì che nella “Little Italy” di New York si costituisse una fiorente Comunità di Rodiani che tuttora, ai primi di Luglio di ogni anno, celebra in concomitanza con Rodi, la secolare Festa della Madonna della Libera, Patrona di Rodi Garganico e dei Naviganti.

L’antico Borgo marinaro si snoda dalla rocca del castello a picco sul limpido mare del Gargano, fino al porto ed alla spiaggia ed ancora oggi attraverso quei vicoli si può avvertire la vitalità di una comunità laboriosa orientata verso il mare con tutti i suoi profumi e le suggestioni che il contesta evoca. Da quei vicoli si vivono scorci di panorami mozzafiato e gli odori di questa terra fantastica chiamata Gargano.

Rodi Garganico vive di turismo legato al mare e alle bellezze naturalistiche.

Vicino al Borgo antico è possibile passare piacevoli week end nel verde del Parco Nazionale del Gargano oppure a passeggio nei tratturi dell’Oasi Agrumaria per piacevoli giornate alla scoperta di un Gargano diverso dall’usuale. A breve distanza da Rodi Garganico, le altre note località turistiche di Peschici e Vieste.

La Foresta Umbra, raggiungibile in mezz’ora di auto, è il cuore pulsante del Parco nazionale del Gargano che con le riserve naturalistiche dei laghi di Lesina e Varano completa la variegata diversità naturalistica del Promontorio del Gargano. Anche gli altri paesi dell'entroterra Ischitella, Carpino e Cagnano, posti in colline, tra boschi e altipiani a contornare il Lago di Varano, meritano menzione. Su tutti spicca il borgo medioevale di Vico del Gargano con i suoi castelli, la cinta muraria torrita ed il centro storico pressocchè intatto. Un ruolo determinante nella Storia e nella Cultura del Gargano dell’interno è dato dalla presenza di numerosi luoghi di Culto: il Santuario della Madonna della Libera, a Rodi che conserva una veneratissima ed antichissima icona lignea bizantina patrona di Rodi e della gente di mare ed una collezione di ex voto donati dai fedeli “miracolati” dalla madonna nera di Rodi; il Convento dei Cappuccini a Rodi e quello, più importante di Vico del Gargano con la sua quercia millenaria; il Convento di San Matteo sulla strada tra San Marco in Lamis e San Giovanni Rotondo costruito a sua difesa su un contrafforte roccioso con un’antica Biblioteca ed una Farmacia di erbe officinali ed estratti preparati dagli stessi Monaci; la suggestiva e ieratica Abbazia di Pulsano; e, da ultimo, il complesso della medioevale Basilica abaziale di San Michele Arcangelo, costruito sulla suggestiva Grotta carsica venerata per apparizioni dell’Arcangelo a Monte Sant'Angelo oggi Comune PATRIMONIO UNIVERSALE DELL’UNESCO. Infine il più noto Santuario della Madonna delle Grazie e la Chiesa realizzata dall’Arch. Renzo Piano a San Giovanni Rotondo, con la tomba di San Pio da Pietrelcina dove è possibile visitare i luoghi e le testimonianze della vita del Santo. Dal porto turistico di Rodi Garganico, sin dalla Primavera, sono attive partenze giornaliere dei traghetti per le Isole Tremiti e per la splendida costa del Gargano con gite turistiche in barca lungo il frastagliato litorale che vi permetteranno di osservare il Gargano da un punto di vista unico, fino a Baia delle Zagare una delle insenature più belle e rinomate del Mediterraneo.

Gastonomia e Folklore.

Rodi, paese dei Limoni e delle Arance, e, naturalmente specialità agli agrumi, cucina marinara; Carpino Paese dell'olio extravegine d'oliva e delle fave; Cagnano per le anguille e Sannicandro con i pregiati caciocavalli; Ischitella con il particolarissimo “cavicione” focaccia con cipolle, acciughe e uva passa di evidente origine saracena.

Il nostro Hotel a Rodi Garganico è l’ideale punto di partenza per le vacanze sul Gargano e per la visita alle bellezze del Gargano.

Dall’Autostrada A14 proseguendo pe la Superstrada del Gargano, Rodi Garganico è il primo paese che si incontra lungo il litorale garganico.

Vai alle offerte

Per far funzionare correttamente il sito web, utilizziamo i cookies. Puoi trovare i dettagli leggendo la nostra Informativa sulla privacy. Se usi il nostro sito, presupponiamo che la accetti. Scopri di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close